un brand, non solo un logo

Un grande brand nasce sempre con un’idea, che poi diventa una grande storia. Le risorse impiegate per il potenziamento del marchio contribuiscono a incrementare il valore di un’azienda. Più si investe nel brand, più il ROI (Return of investiment) sale. Gillette, con un investimento pubblicitario del 4,3% dei suoi ricavi ha ottenuto un ritorno dell’investimento (ROI) pari al 27,7%; Ford Motors investendo lo 0,7% dei suoi ricavi ottiene un ritorno di investimento del 26%, Walt Disney investendo il 6% ottiene un ritorno del 25,9%. (Roberto Mazzei, Brand equity: il valore della marca, Egea, p. 113).

Ripetiamo: investire nel brand è fondamentale in un’ottica di business. Agire in modo efficace aiuta a superare la concorrenza e ottenere di conseguenza una crescita tangibile.

A questo riguardo, un noto studio di Robert Shaw e David Merrick mette a confronto Coca Cola e Pepsi, Il test chiedeva di esprimere la preferenza tra le due bevande in condizioni diverse: una prima volta nascondendone il marchio, una seconda rendendolo noto. Nel primo caso è emerso che il 51% preferiva la Pepsi contro il 44% che sceglieva Coca Cola. Nel secondo caso la percentuale si è drasticamente ribaltata: solo il 23% avrebbe acquistato la Pepsi contro il 65% a favore della Coca Cola. È evidente la differente forza dei due brand.

Per questo oggi il branding è considerato un asset patrimoniale che genera profitto di per sé e non più solo un espediente tattico per vendere.

ti diamo supporto in

noi la pensiamo come loro

"Dio è nei dettagli" - "Less is more"
Ludwig Mies van der Rohe

"Design is one"
Massimo Vignelli